UN AFFRESCO PER ARPALICE

Pubblicato il 7 settembre 2021 • About Marostica , Cultura , Giovani , Scuola
Al via i lavori per l’affresco dedicato alla scrittrice e poetessa per l’infanzia Arpalice Cuman Pertile (1876-1958), che sarà realizzato nella parete esterna della palestra della scuola elementare di Marostica.
 
Si è conclusa infatti con la designazione dei quattro vincitori la prima parte del progetto firmato dalla Città di Marostica che, in occasione della 30^ edizione del Premio Marostica Città di Fiabe, ha promosso un concorso fra i licei artistici del Veneto per una grande opera da realizzare con la tradizionale tecnica della pittura a fresco a decorazione della scuola.
 
Il progetto ha coinvolto i cinque licei artistici di Cittadella, Nove, Schio, Valdagno, Vicenza, per un totale di 142 studenti che, su un tema preciso, hanno presentato un bozzetto. Sono invece 18 gli architetti iscritti all’Ordine degli Architetti P.P.C. di Vicenza che hanno partecipato al corso per l’apprendimento della tecnica dell’affresco diretto dal M° frescante Roberto Meneguzzo e che realizzeranno l’opera sotto la sua direzione artistica.
Il progetto “Un affresco per l’Arpalice” è promosso dalla Città di Marostica. Partner principale del progetto è l’Impresa Edile Ivo Maroso, con la collaborazione di Confartigianato Vicenza (Mandamento di Marostica) e dell’azienda Pizzato Elettrica.
 
La giuria ha premiato:
- il bozzetto “Il mago della soffitta” di Sonora Olivetto (Liceo di Cittadella) con la motivazione: “l' elaborato è originale nella composizione e rappresenta con immediatezza e brio un fatto storico che ha cambiato radicalmente il modo di comunicare”;
- il bozzetto “Figlio del sole” di Chiara Parolin (Liceo di Nove) perché “rappresenta gli elementi tradizionali del mito (Fetonte, i cavalli ed il paesaggio) con realismo, dinamicità e notevole valore estetico”;
- il bozzetto “L’orso con due ombre” di Mattia Zanetti (Liceo di Nove) perchè “rivela una particolare capacità di riassumere, con un segno grafico incisivo e colori che simboleggiano l'amore e la speranza di un futuro di pace, lo sviluppo di una storia drammatica riferita ad un conflitto recente e vicino”;
- il bozzetto “Il lupo che amava le storie” di Sofia Nicoli (Liceo di Vicenza) perché “è innovativo dal punto di vista compositivo sintetizzando in tre episodi lo sviluppo della storia. Si segnala, in particolar modo, l’originale resa grafica e stilizzata degli elementi della natura”.
 
Gli studenti e le studentesse premiati riceveranno ognuno una borsa di studio dell'importo di 250 euro. Altri 250 euro saranno inoltre donati a ciascuna scuola di appartenenza dei vincitori. Infine, i disegni premiati e segnalati saranno esposti in una mostra dedicata alla scrittrice marosticense che sarà inaugurata il 13 novembre al Castello Inferiore. Il 30 novembre invece si terrà la cerimonia di premiazione della 30^ edizione del Premio Marostica Città di Fiabe, con la proclamazione degli attesi vincitori del concorso letterari.